La giornata sul microchip, per l'umano consapevole - itNicolosi

itNicolosi

ASSOCIAZIONI

La giornata sul microchip, per l’umano consapevole

Microchip - Medico veterinario

A Nicolosi, all’interno del Palazzo Municipale, una giornata dedicata all’applicazione del microchip gratuito per i nostri amici a quattro zampe. L’intervista realizzata con il dottore Francesco Messina, veterinario dell’Asp di Catania che ha provveduto all’inserimento del microchip nei cani, ha messo in luce quanto sia importante sensibilizzare e creare consapevolezza. Messina tra l’altro è coordinatore della gestione del randagismo sul comune di Nicolosi e in merito a questa tematica ci ha parlato di un interessante progetto tutto nicolosita.

L’importanza del microchip per il proprio cane

La giornata per l’inserimento del microchip gratuito è stata gestita dal medico veterinario Francesco Messina e dei tanti volontari dell’associazione Teg4Friends. Giornate come queste sono senza dubbio possibili grazie alla collaborazione e al sostegno dell’ASP di Catania di cui il direttore del servizio di prevenzione veterinaria è il dott. Emanuele Farruggia e dal direttore dell’igiene urbana veterinaria è il dott. Michelangelo Privitera.

Microchip - cani
Alcuni dei bellissimi cuccioli a cui è stato impiantato il microchip – ph. Vincenzo Zocco

Dott.re Messina perché è importante questa giornata qual è l’obbiettivo?

La giornata dedicata ai cani privati (di proprietà) è utile per sensibilizzare e invogliare le persone a microchippare i propri cani per due fattori principali: Innanzitutto perché è un obbligo di legge, secondo la quale i cani devono essere microchippati entro il secondo mese di vita e in secondo luogo perché in caso di smarrimento è certamente più facile andare a rintracciare il proprio cane.

Stiamo anche cercando di agevolare – prosegue il medico – e di rendere più fluida la gestione del randagismo partendo da un ufficio per il benessere animale proprio qui su Nicolosi all’interno del palazzo Municipale. Un punto di riferimento dove sono presenti numeri e contatti per poter accogliere le richieste dei vari cittadini.

Un progetto quindi che vuole tutelare i cani randagi che stanno sul territorio e tenere sotto controllo il proliferarsi di nuove cucciolate che andrebbero ad aggiungersi ad una problematica attuale ovvero il randagismo. Un percorso di cambiamento culturale importante e fondamentale ci dice Messina. Il medico veterinario ci espone inoltre un altro grande progetto in cui il comune diventa la famiglia del randagio.

microchip - Padrone E Cane
Una padrona e la sua cucciola Kyra attendo il proprio turno – ph. Vincenzo Zocco

Dottore ci parli del progetto pilota che il comune di Nicolosi ha lanciato

L’idea del progetto è quella di prendere il cane dalla strada curarlo, sterilizzarlo, microchipparlo e contraddistinguerlo con un collare di colore rosso con su scritto “Comune di Nicolosi”. Il Cane viene poi lasciato libero di girare nel Comune ma non abbandonato a se stesso, i volontari dell’associazione Teg4Friends si occupano appunto di monitorare il randagio sul suo stato di salute e di benessere. Stiamo inoltre preparando delle medagliette dove ci sarà il numero telefonico del tutor di riferimento.

Il comune di Nicolosi vuole quindi mettere in atto un progetto pilota che una volta verificato su un comune piccolo come Nicolosi, modificato e modellato sui suoi punti di forza e debolezza, possa essere un punto di riferimento per tutti gli altri comuni della provincia di Catania.

Il valore umano oltre il ruolo professionale

Ci dica, che cosa significa per lei fare questo lavoro

Questo lavoro fa emergere un grande amore per gli amici a quattro zampe, un lavoro che mette in luce il valore umano. Soprattutto per coloro che si trovano in situazioni di difficoltà. Con questo intendo i cani randagi che hanno certamente avuto meno fortuna rispetto ai cani pet, ovvero quelli che hanno una famiglia. I randagi – ci dice il medico – hanno tante sfumature. Vi sono cani confidenti in cui ti puoi fermare per dare una carezza ai cani semi-selvatici o selvatici, che hanno un comportamento sociale diverso.

Microchip - Medico veterinario
Assistenti volontari in sinergia con il dott.re Messina – ph. Vincenzo Zocco

Quello che vogliano è il benessere dell’animale, e il cambiamento parte proprio dalla testa con una sensibilizzazione alla tematica. Vogliamo portare questo progetto nelle scuole proprio per far diventare protagonisti i più piccoli, che diventino da tramite per sensibilizzare i propri genitori. Una sinergia simbiotica e una buona empatia tra i cani che vivono nel nostro territorio e gli esseri umani, un rapporto senza paura. La strada è lunga ma ci stiamo lavorando.

Altre iniziative nel breve termine?

Prossimamente ci sarà una giornata delle adozioni, in cui cercheremo di dare casa ai cani meno fortunati. Abbiamo appunto creato su facebook una pagina che si chiama “Benessere animale e adozioni di Nicolosi”. Abbiamo inoltre creato una bella squadra, tra Comune, Asp, Volontariato e Rifugi. Il nostro motto è quello di cercare di far arrivare meno cani possibili ai Canili perché sappiamo che una volta che il cane entra nel canile diventa difficilmente adottabile. Vogliamo quindi spenderci molto per facilitarne l’adozione e quelli che non riusciamo ad adottarli cercare di reimmetterli sul territorio con quella formula del “progetto pilota” e seguirli costantemente.

Come disse Immanuel Kant – Possiamo giudicare il cuore di un uomo dal modo in cui tratta gli animali.

La giornata sul microchip, per l’umano consapevole ultima modifica: 2021-10-18T09:52:06+02:00 da Vincenzo Zocco

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments

😲

Julieta B. Mollo

Molto interessante!

Promuovi la tua azienda in Italia e nel Mondo
To Top
2
0
Would love your thoughts, please comment.x